Fontanella, Marzia (2013) Gli animali coinvolti negli interventi assistiti: veicolo di malattia o salute? [Tesi di dottorato]

[img]
Anteprima
Testo
fontanella_marzia_XXVciclo.pdf

Download (911kB) | Anteprima
[error in script] [error in script]
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Gli animali coinvolti negli interventi assistiti: veicolo di malattia o salute?
Autori:
AutoreEmail
Fontanella, Marziamarziafontanella@hotmail.com
Data: 29 Marzo 2013
Numero di pagine: 103
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Medicina Veterinaria e Produzioni Animali
Scuola di dottorato: Scienze veterinarie per la produzione e la sanità
Dottorato: Biologia, patologia e igiene ambientale in medicina veterinaria
Ciclo di dottorato: 25
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Cringoli, Giuseppegiuseppe.cringoli@unina.it
Tutor:
nomeemail
Menna, Lucia Francescamenna@unina.it
Data: 29 Marzo 2013
Numero di pagine: 103
Parole chiave: Sanità Pubblica veterinaria, Zoonosi, Pet Therapy
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/25 - Pschiatria
Area 06 - Scienze mediche > MED/48 - Scienze infermieristiche e tecniche neuro-psichiatriche e riabilitative
Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > VET/05 - Malattie infettive degli animali domestici
Aree tematiche (7° programma Quadro): SALUTE e TUTELA DEL CONSUMATORE > Ottimizzazione per la prestazione delle cure sanitarie per i cittadini in Europa
SALUTE e TUTELA DEL CONSUMATORE > Sicurezza alimentare, salute degli animali, benessere e salute degli animali e delle piante
Depositato il: 12 Apr 2013 11:19
Ultima modifica: 16 Lug 2014 13:00
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/9240
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/9240

Abstract

Nell’ambito delle attività di ricerca, del triennio di dottorato, sono state condotte Attività e Terapie assistite da animali in diverse centri,gli animali coinvolti negli interventi, sono stati regolarmente sottoposti a controlli sanitari di routine, che per gli animali d’affezione sono di competenza dei servizi veterinari dell’ASL e per gli equidi del medico veterinario aziendale ma essendo gli animali possibile veicolo di alcune zoonosi si è pensato che fosse opportuno sottoporre i cani, gli equidi e gli altri animali coinvolti anche ad uno screening per la ricerca di Salmonella spp., Campylobacter termotolleranti ed Escherichia coli enteropatogeni. Il motivo di questo approfondimento è legato al fatto che durante gli interventi assistiti è tale il contatto fisico che si instaura tra fruitore ed animale, da far presumere che realmente possa esistere un rischio zoonosico spesso sottostimato e non considerato. Infine, è opportuno sottolineare l’assenza di una normativa nazionale precisa e dettagliata che prenda in considerazione un qualunque tipo di protocollo sanitario ufficiale destinato agli animali coinvolti nella Pet Therapy. Inoltre, a questo proposito vi è un vuoto legislativo, poiché gli unici riferimenti legislativi sulle misure di sorveglianza delle zoonosi e degli agenti zoonotici, tra l’altro non rivolte agli animali coinvolti nelle attività di Pet Therapy, si riferiscono alla DIRETTIVA 2003/99/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 novembre 2003.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento