Piscopo, Stella (2013) La burocrazia della Commissione europea, tra Stati ed interessi sovranazionali. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Documento PDF
Tesi Dottorato Stella Piscopo .pdf

Download (2MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: La burocrazia della Commissione europea, tra Stati ed interessi sovranazionali
Creators:
CreatorsEmail
Piscopo, Stellastella.piscopo@hotmail.it
Date: 30 March 2013
Number of Pages: 213
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Scienze Politiche
Scuola di dottorato: Scienze politiche
Dottorato: Scienza politica e istituzioni in Europa
Ciclo di dottorato: 25
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Chiosi, ElviraUNSPECIFIED
Tutor:
nomeemail
Vittoria, ArmandoUNSPECIFIED
Date: 30 March 2013
Number of Pages: 213
Uncontrolled Keywords: Commissione europea, burocrazia
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 14 - Scienze politiche e sociali > SPS/03 - Storia delle istituzioni politiche
Area 14 - Scienze politiche e sociali > SPS/04 - Scienza politica
Aree tematiche (7° programma Quadro): SCIENZE SOCIOECONOMICHE E UMANISTICHE > Relazioni politiche ed economiche in Europa
Date Deposited: 09 Apr 2013 09:41
Last Modified: 23 Jul 2014 09:03
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/9268
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/9268

Abstract

Il termine eurocrazia rappresenta un neologismo con il quale l’opinione pubblica è solita indicare il complesso di burocrati operanti presso le Istituzioni europee, dotati di poteri suscettibili di imporre regole restrittive relative a vari aspetti della vita dei cittadini europei. Tale astio è rivolto, in special modo, ai burocrati della Commissione, giacchè spesso tale Istituzione viene interpretata quale esecutivo o governo dell’Unione. A questo malcontento nei confronti dell’eurocrazia e delle sue impopolari decisioni si associa un tema altrettanto dibattuto, quello del deficit democratico dell’Unione, che si traduce, nell’opinione pubblica, nella percezione di una incapacità, da parte dei cittadini europei, di esprimere i propri interessi nell’arena europea a causa della mancanza di canali di partecipazione democratica simili a quelli degli Stati nazionali. Questo lavoro si pone quindi l’obiettivo di comprendere quali siano le caratteristiche e le funzioni della burocrazia della Commissione, e in che modo questa influisca sui processi decisionali. La scelta di concentrare l’analisi sull’amministrazione della Commissione scaturisce dalla centralità di tale Istituzione nel processo decisionale, sia nella fase propositiva -ove mantiene il monopolio dell’iniziativa-sia nella fase di implementazione delle decisioni. Una analisi di questo tipo abbisogna di un approccio sia ti tipo storico-istituzionale che politologico. Nel primo capitolo verrà posta in essere una ricostruzione degli Statuti del personale dalla Ceca fino alle ultime modifiche poste in essere nei primi anni del 2000: per far ciò verranno impiegate fonti archivistiche -consultate presso gli Archivi Storici dell’Unione Europea dell’Istituto Universitario Europeo di Firenze- che permetteranno di far luce in particolare sugli albori dell’amministrazione comunitaria, e sul ruolo esercitato da Jean Monnet nella definizione delle caratteristiche fondamentali sia dell’organizzazione che delle funzioni dell’amministrazione all’interno dell’assetto istituzionale. L’analisi degli Statuti permetterà di comprendere le attribuzioni della burocrazia e la loro evoluzione nel corso degli anni. Il secondo capitolo verrà dedicato all’analisi delle caratteristiche della burocrazia della Commissione, in termini di provenienza, formazione, esperienze professionali, differenze linguistiche e di cultura amministrativa; ci si concentrerà inoltre sullo studio dell’organizzazione amministrativa e delle relative riforme; infine, verrà in questa sede ricostruita la vicenda relativa alle dimissioni della Commissione presieduta da Jacques Santer. Infine, il terzo capitolo sarà incentrato sullo studio delle funzioni esercitate dalla burocrazia della Commissione nei processi decisionali, e quindi nell’esercizio delle funzioni di iniziativa legislativa, implementazione e di controllo. Verrà quindi analizzata l’attività di lobbying posta in essere verso la burocrazia della Commissione da parte dei gruppi di pressione operanti nell’arena politica europea.

Actions (login required)

View Item View Item