Ritucci, Maria Antonietta (2006) Un approccio metodologico per i Piani Operativi di Acquisto: un case-study in un’azienda elettronica italiana. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img]
Preview
PDF
tesi_ritucci.pdf

Download (1MB) | Preview
Item Type: Tesi di dottorato
Language: Italiano
Title: Un approccio metodologico per i Piani Operativi di Acquisto: un case-study in un’azienda elettronica italiana
Creators:
CreatorsEmail
Ritucci, Maria AntoniettaUNSPECIFIED
Date: 2006
Date Type: Publication
Number of Pages: 131
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Ingegneria economico-gestionale
PHD name: Ingegneria economico-gestionale
PHD cycle: 16
PHD Coordinator:
nameemail
Raffa, MarioUNSPECIFIED
Tutor:
nameemail
Esposito, EmilioUNSPECIFIED
Date: 2006
Number of Pages: 131
Uncontrolled Keywords: Relazioni cliente/fornitore, Portafoglio delle relazioni, Piani operativi di acquisto
MIUR S.S.D.: Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-IND/35 - Ingegneria economico-gestionale
Date Deposited: 31 Jul 2008
Last Modified: 30 Apr 2014 19:24
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/935

Abstract

Le diverse tappe che hanno caratterizzato l’evoluzione delle metodologie di gestione degli approvvigionamenti, hanno visto una forte variabilità nel numero di relazioni cliente/fornitore gestite da un’azienda. In generale, si è assistito ad un processo via via crescente di riduzione del parco fornitori e alla trasformazione delle relazioni cliente/fornitore in “rapporti evoluti”; ciò ha comportato che la riduzione della base di fornitura delle aziende non è stata affiancata da un’uguale riduzione del numero di risorse interessate nel processo di gestione, ma piuttosto un loro aumento in numero e in competenze richieste. Nasce, così, da parte dell’azienda, la necessità di identificare, per ciascun fornitore, la modalità di gestione della relazione più appropriata; più tipicamente si assiste ad un “portafoglio” di approcci che l’azienda attua. Questa ricerca ha lo scopo individuare i fattori che influiscono sulla scelta delle politiche di acquisto più adeguate, e di definire uno strumento operativo per la gestione del portafoglio delle relazioni cliente/fornitore, che possa essere quindi di supporto pratico alle decisioni del management aziendale. I modelli di riferimento individuati nella review letteraria sono quelli di gestione del portafoglio delle relazioni cliente/fornitore elaborati da Kraljic [1987] e da Olsen ed Ellram [1993], il cui scopo comune è di definire delle politiche differenziate di gestione, focalizzandosi su driver diversi, tipici della fornitura per il primo, della relazione cliente/fornitore per il secondo. L’analisi critica dei modelli ha evidenziato come le diverse politiche di acquisto adottate da un’azienda non possono dipendere solo dalle caratteristiche della fornitura o solo da quelle della relazione, ma da una combinazione delle stesse. Il modello elaborato, pertanto, pur mantenendo l’approccio e gli assunti di base dei modelli di riferimento, utilizza, come driver di analisi, la fornitura e la relazione; la sua formulazione è stata effettuata in due step: l’individuazione delle dimensioni rilevanti per la classificazione dei driver; la definizione di una politica di gestione della stessa. Il modello si configura come una mappa [Piani Operativi di Acquisto] nella quale è possibile identificare la politica di gestione ottimale a partire dalla valorizzazione delle dimensioni di analisi. Il modello è stato testato attraverso un case-study sviluppato presso un’azienda elettronica italiana. La fase di test ha permesso di validare le ipotesi effettuate in fase di ricerca e le assunzioni alla base del modello stesso, che erano state tratte da studi condotti in un settore (quello automobilistico) con caratteristiche diverse da quello utilizzato nel case-study; l’applicazione, inoltre, ha permesso la valutazione dell’efficacia del modello stesso e la sua valenza dal punto di vista operativo, e non solo teorico.

Actions (login required)

View Item View Item