Guida, Anna (2013) Caratterizzazione genetica e correlazione genotipo/fenotipo del deficit congenito di Antitrombina in Italia meridionale. [Tesi di dottorato]

[img]
Anteprima
Testo
Guida Anna.pdf

Download (303kB) | Anteprima
[error in script] [error in script]
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Caratterizzazione genetica e correlazione genotipo/fenotipo del deficit congenito di Antitrombina in Italia meridionale
Autori:
AutoreEmail
Guida, Annaannaguida@gmail.com
Data: 11 Aprile 2013
Numero di pagine: 27
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Medicina clinica e sperimentale
Scuola di dottorato: Medicina clinica e sperimentale
Dottorato: Fisiopatologia clinica e medicina sperimentale
Ciclo di dottorato: 25
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Marone, Giannimarone@unina.it
Tutor:
nomeemail
Di Minno, Giovannidiminno@unina.it
Data: 11 Aprile 2013
Numero di pagine: 27
Parole chiave: antitrombina, gentica trombofilica, tromboembolismo venoso
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/09 - Medicina interna
Area 06 - Scienze mediche > MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
Depositato il: 11 Apr 2013 12:07
Ultima modifica: 18 Lug 2014 10:36
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/9562
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/9562

Abstract

L’antitrombina (AT) è una delle più importanti proteine anticoagulanti naturali il cui ruolo principale è costituito dall’inibizione del fattore secondo attivato (trombina)e del fattore Xa. Il gene di questa proteina SERPINC1 (GenBank X68793.1MIM#107300), è composto da 7 esoni (1,2, 3A, 3B, 4, 5, 6), ed è localizzato sul braccio lungo del cromosoma 1 (1q23-25) . Il deficit ereditario di antitrombina presenta un’ereditarietà autosomica dominante e nella gran parte dei pazienti è presente in eterozigosi, la prevalenza nella popolazione generale è riportata tra 1:500 a 1:500. Abbiamo valutato il fenotipo di 27 pazienti (14 maschi e 13 femmine)di cui 17 (65 %) erano affetti da deficit di tipo I, 3(11%) tipo II, 4 (23%) non classificati, appartenenti a 18 famiglie non correlate, afferenti al nostro centro di coordinamento regionale per le emocoagulopatie. 23/26 avevano presentato eventi trombotici: 20/24 (83%) avevano avuto tromboembolismo venoso (TEV); 3/24 sia eventi arteriosi che venosi, una sola paziente (1/24) aveva presentato esclusivamente trombosi arteriosa. Nel gruppo dei pazienti con tromboembolismo venoso, 10/20 (50%) avevano avuto almeno una recidiva. La presenza di eventuali ulteriori fattori di rischio protrombotici sia congeniti che acquisiti era stata valutata. il sequenziamento degli esoni 1-7 del gene SERPINC1 ha permesso di identificare 15 mutazioni genetiche di cui 14 non descritte (5 frameshift; 5 nonsense; 3 missense; 1 delezione in frame. Nel gruppo di pazienti affetti da deficit di tipo I sono stati osservati differenti gradi di severità di malattia, a associati al tipo di mutazione genetica piuttosto che al livello antigenico e alla attività antitrombinica. Tra i pazienti con deficit di tipo 1 le mutazioni dell’esone 2 (codificante per il sito di legame per l’eparina , heparin binding site HBS n=3) e nell’esone 7 (codificante per il sito reattivo per la trombina, thrombin reactive site) erano quantitativamente e qualitativamente indistinguibili da quelli occorsi negli altri esoni supportando il riscontro di valori antigenici e di attività antitrombinica sovrapponibili tra loro. In conclusione una mutazione nel gene dell’antitrombina funzionalmente rilevante dipende tanto dal sito della mutazione quanto dalla gravità della mutazione stessa.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento