Esposito, Floriana (2006) Sintesi e caratterizzazione di nanocompositi metallo-polimero per applicazioni funzionali avanzate. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img]
Anteprima
PDF
Tesi_Esposito_Floriana.pdf

Download (53MB) | Anteprima
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Sintesi e caratterizzazione di nanocompositi metallo-polimero per applicazioni funzionali avanzate
Autori:
AutoreEmail
Esposito, Floriana[non definito]
Data: 2006
Tipo di data: Pubblicazione
Numero di pagine: 135
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Ingegneria dei materiali e della produzione
Dottorato: Ingegneria chimica, dei materiali e della produzione
Ciclo di dottorato: 18
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Acierno, Domenico[non definito]
Tutor:
nomeemail
Carotenuto, Gianfranco[non definito]
Data: 2006
Numero di pagine: 135
Parole chiave: Nanocompositi, Metallo, Polimero
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-IND/22 - Scienza e tecnologia dei materiali
Depositato il: 30 Lug 2008
Ultima modifica: 30 Apr 2014 19:24
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/999
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/999

Abstract

Nel presente lavoro è stata realizzata la sintesi “in situ” di nanocompositi metallo-polimero mediante termolisi di precursori solforganici. Nella tecnica “in situ”, la preparazione di nanoparticelle si ottiene tipicamente mediante reazioni in situ di un adatto precursore metallico, cioè la decomposizione è condotta in presenza del polimero. In pratica la tecnica “in situ” consiste nell’introduzione in polimero di un precursore, per esempio un sale organico o un complesso organo-metallico, successivamente ridotto all’interno del polimero stesso. I metodi più diffusi si basano su riduzioni chimiche, foto-riduzioni e decomposizioni termiche o a mezzo di radiazioni ionizzanti (raggi γ, UV). La tecnica “in situ” ed in particolare quella basata sulla termolisi di precursori inseriti nel polimero risulta conveniente essenzialmente per la sua semplicità e rapidità, dove non occorre un’elevata purezza chimica del prodotto finale. Le caratteristiche morfologiche dei nanocompositi metallo-polimero sono influenzate dalla scelta di alcuni parametri quali il tipo di precursore metallico, il tipo di polimero, la temperatura e il tempo di annealing, ecc. Con la tecnica qui descritta venivano preparati nanocompositi costituiti da una matrice polimerica di polistirene contenenti particelle metalliche o di solfuri metallici (Ag, Au, Co, Pd, Pt, Ni, Pb, PbS, CuS, CdS, ZnS). Questi sistemi sono stati caratterizzati mediante microscopia elettronica a trasmissione (TEM), spettroscopia ottica (UV–Vis–Nir), diffrattometria a raggi х (XRD) ed in alcuni casi mediante calorimetria a scansione differenziale (DSC) ed analisi termogravimetrica (TGA). Tali analisi sono state effettuate per poter valutare la natura delle inclusioni prodotte all’interno della matrice polimerica, la loro morfologia e la topologia del sistema.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento