Balzano, Daniele (2015) Vuoti di memoria. Sullo spazio in architettura. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
Balzano_Daniele_XXVII ciclo.pdf

Download (2MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Vuoti di memoria. Sullo spazio in architettura
Creators:
CreatorsEmail
Balzano, Danieledaniele-balzano@libero.it
Date: 31 March 2015
Number of Pages: 86
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Architettura
Scuola di dottorato: Architettura
Dottorato: Progettazione urbana ed urbanistica
Ciclo di dottorato: 27
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Miano, Pasqualepasmiano@unina.it
Tutor:
nomeemail
Pezza, ValeriaUNSPECIFIED
Armesto Aira, AntonioUNSPECIFIED
Capozzi, RenatoUNSPECIFIED
Orfeo, CamilloUNSPECIFIED
Date: 31 March 2015
Number of Pages: 86
Uncontrolled Keywords: Vuoti, memoria, spazio
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/14 - Composizione architettonica e urbana
Date Deposited: 13 Apr 2015 07:36
Last Modified: 08 Oct 2015 07:35
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/10516
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/10516

Abstract

Questo lavoro di dottorato offre uno sguardo sullo spazio architettonico, una perlustrazione non necessariamente cronologica di architetture, forme fissate dall'uomo, vuoti che nella loro lenta definizione hanno acquisito un nome, qualificandosi nella loro sostanza spaziale in relazione al modo in cui si fissano nella memoria collettiva. Il vuoto, sostanza spaziale dell'architettura, è indagato sia come volume definito nella sua natura di invaso in rapporto a un involucro, sia costituito attraverso elementi architettonici che lo definiscono, dandogli forma e dimensione. L'invaso spaziale, come vuoto unitario, rinvia al suo involucro, ma il vuoto si presenta anche autonomamente, senza la presenza di involucri riconducibili all'idea di scatola muraria, bensì come spazialità precisata dagli elementi che lo compongono e lo identificano. La scelta del termine vuoto è legata all'indicazione di una qualità dello spazio, che si definisce, si chiarisce, si determina e si costruisce nel suo opposto: il pieno. Precisando che spazio e vuoto saranno in genere utilizzati come sinonimi. Il ragionamento sul vuoto e sulla memoria delle forme, viene riferito all'intero complesso dell'architettura, non separando la parte tecnico – compositiva dal suo senso. Il vuoto, infatti, mette in relazione il corpo dell'uomo con la rappresentazione fisica dell'architettura dentro cui è impressa la memoria, non più all'interno della scatola muraria ma nella misura di quegli spazi e di quelle relazioni. Con il termine memoria si compie il passaggio al corpo fisso dell'architettura nella sua relazione spaziale: il corpo connota lo spazio dandogli senso. Queste riflessioni sullo spazio in architettura, sono nate nel corso della tesi di laurea, intitolata analogamente "Vuoti di memoria". Nel centro storico di Cordova a due passi dalla grande Moschea, il progetto definiva un'architettura partendo dal vuoto urbano, chiarificandone il ruolo: da vuoto interstiziale a vuoto ordinatore. La ricerca ha avuto successivi momenti di elaborazione: nella didattica, nello studio del rapporto tra archeologia e architettura, pubblicati in varie occasioni. La prima delle quali è negli Atti del convegno Abitare il futuro, col nome di Vuoti di memoria. Un estratto grafico è stato pubblicato in Scritti scelti per l'architettura della città. Da queste premesse è sembrato fertile costruire un ragionamento più articolato, provando a rendere intellegibile alcuni aspetti sul vuoto in architettura e le sue ragioni.

Actions (login required)

View Item View Item