CERCIELLO RENNA, LUIGI (2017) Tutela del territorio e valutazione d’impatto dei sistemi agricoli sostenibili nella Costiera Amalfitana. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
CERCIELLO_RENNA_TESI_DOTTORATO_XXX_CICLO.pdf

Download (1MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Tutela del territorio e valutazione d’impatto dei sistemi agricoli sostenibili nella Costiera Amalfitana
Creators:
CreatorsEmail
CERCIELLO RENNA, LUIGIc.luigi76@gmail.com
Date: 6 December 2017
Number of Pages: 114
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: dep01
Dottorato: phd073
Ciclo di dottorato: 30
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
D'Urso, Guidodurso@unina.it
Tutor:
nomeemail
Capitanio, FabianUNSPECIFIED
Date: 6 December 2017
Number of Pages: 114
Uncontrolled Keywords: Paesaggio - Tutela agroambientale - Valutazione economica - Costiera Amalfitana
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/01 - Economia ed estimo rurale
Date Deposited: 27 Dec 2017 09:42
Last Modified: 11 Apr 2019 10:25
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/12053

Abstract

Gli esiti dell’indagine si discostano di molto dai più diffusi stereotipi. Acquisite e analizzate le preferenze espresse da 1000 individui, risultano ribaltati i paradigmi socio-culturali dominanti. La trasferibilità del brand Unesco è scemata.Se, da un lato, è stato ed è rilevante vettore di immagine e di visibilità positiva del Territorio, dall’altro le misure attuate e comunque ritenute necessarie a mantenere e migliorare le condizioni di eccellenza del sito sono state e restano circoscritte all’alveo delle tutele, senza produrre effettive ricadute economiche. Sicchè, il riconoscimento UNESCO non ha inciso sullo sviluppo produttivo dell’Area geografica interessata e tale circostanza si traduce in una perdita di valore economico del Paesaggio. E’ poi emersa l’inadeguatezza dell’attuale disposto normativo in tema di imposta di soggiorno: per la destinazione dei relativi proventi, sono differenti gli ambiti, di certo più aderenti alle dinamiche territoriali, che sono invocati dai cittadini a dispetto di quel che prevede la legislazione corrente e delle determinazioni assunte dai decisori pubblici. Altresì, il Paesaggio agrario della Costa d’Amalfi è assolutamente e indissolubilmente ancorato ai monoteismi colturali. Limone e vite concentrano l’attenzione e l’enfasi della totalità degli intervistati e, nel contempo, la popolazione si mostra refrattaria alla considerazione di sforzi pubblici e privati eventualmente diretti a produzioni diverse da quelle identitarie. Affiora così il divario tra filosofia locale e sovranazionale, atteso che l’Europa chiede a gran voce la diversificazione colturale quale pratica agricola benefica per l’ambiente, da premiare economicamente. Ma, in siffatta disparità di credo, ecco rivelarsi il Terrazzamento, sistema di difesa agroambientale e architrave paesaggistico che modella il volto della Costiera, quale fattore di congiunzione glocale, capace di allineare le ragioni e le istanze della comunità locale alle logiche di governo sovrastatale.

Actions (login required)

View Item View Item