Sistemi di gestione informatizzata integrata dei dati archeologici. Protocolli operativi, Quality Management, processi di trasferimento tecnologico. Linee di intervento presso l’Heraion alla Foce del Sele e il sito di Cuma.

Cantone, Francesca (2006) Sistemi di gestione informatizzata integrata dei dati archeologici. Protocolli operativi, Quality Management, processi di trasferimento tecnologico. Linee di intervento presso l’Heraion alla Foce del Sele e il sito di Cuma. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
9Mb

Abstract

La genesi di questo lavoro si inserisce nel filone di ricerca e approfondimento dell’ampio ed articolato spettro di innovazioni metodologiche in archeologia che nella letteratura scientifica sono definite con denominazioni varie: Archeoinformatica, Informatica Archeologica, Archeologia Computazionale, Archeologia Digitale, Archeologia Virtuale. Tali espressioni fanno riferimento a linee di indagine che vanno assumendo una sempre maggiore specificità, pur nell’articolazione e ricchezza interna delle applicazioni. In particolare il piano di ricerca elaborato è stato finalizzato alla sperimentazione di protocolli operativi per la gestione di dati archeologici e per il controllo e miglioramento qualitativo del flusso di lavoro (workflow) della prassi archeologica. In tal senso le metodologie e le strumentazioni informatiche elaborate, testate, acquisite, messe a punto, personalizzate, sono state intese e finalizzate ad un arricchimento metodologico piuttosto che come un mero supporto strumentale. Partendo da tale cornice metodologica si è impostata una ricerca finalizzata alla elaborazione di protocolli di gestione di dati archeologici il più possibile standardizzati, user-friendly, flessibili, efficienti, modulari, fruibili on line. Gli scavi archeologici condotti dal Dipartimento di Discipline Storiche E. Lepore dell’Università degli Studi di Napoli hanno costituito l’oggetto principale delle sperimentazioni metodologiche affrontate. In particolare sono oggetto della ricerca le problematiche specifiche di gestione, archiviazione, interpretazione degli interventi presso i siti archeologici dell’Heraion alla Foce del Sele e di Cuma .

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Archeologia; Virtuale; Gestione
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 01 Scienze matematiche e informatiche > INF/01 INFORMATICA
Area 03 Scienze chimiche > CHIM/12 CHIMICA DELL'AMBIENTE E DEI BENI CULTURALI
Area 08 Ingegneria civile e Architettura > ICAR/09 TECNICA DELLE COSTRUZIONI
Area 05 Scienze biologiche > BIO/08 ANTROPOLOGIA
Area 10 Scienze dell'antichita', filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/10 METODOLOGIE DELLA RICERCA ARCHEOLOGICA
Area 08 Ingegneria civile e Architettura > ICAR/17 DISEGNO
Area 08 Ingegneria civile e Architettura > ICAR/06 TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA
Area 08 Ingegneria civile e Architettura > ICAR/12 TECNOLOGIA DELL'ARCHITETTURA
Area 09 Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-IND/05 IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI
Area 04 Scienze della terra > GEO/09 GEORISORSE MINERARIE E APPLICAZIONI MINERALOGICO- PETROGRAFICHE
Area 10 Scienze dell'antichita', filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/07 ARCHEOLOGIA CLASSICA
Area 08 Ingegneria civile e Architettura > ICAR/19 RESTAURO
Area 09 Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-IND/07 PROPULSIONE AEROSPAZIALE
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Greco, Giovanna
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Fabricatore, Giulio
Stato del full text:Accessibile
Data:2006
Numero di pagine:376
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Discipline Storiche
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Denominazione del dottorato:Conservazione Integrata dei Beni Culturali ed Ambientali
Ciclo di dottorato:XVII
Numero di sistema:2810
Depositato il:16 Luglio 2008
Ultima modifica:11 Giugno 2009 16:51

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record