Carrieri, Raffaele (2008) Indagini sull’eziologia della maculatura clorotico-rugginosa del ciliegio. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img] PDF (Tesi di Dottorato in Agrobiologia e Agrochimica)
Raffaele_Carrieri.pdf
Visibile a [TBR] Repository staff only

Download (3MB)
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Resource language: Italiano
Title: Indagini sull’eziologia della maculatura clorotico-rugginosa del ciliegio
Creators:
CreatorsEmail
Carrieri, Raffaeleraffaele.carrieri@unina.it
Date: 28 November 2008
Number of Pages: 109
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Arboricoltura, botanica e patologia vegetale
Dottorato: Agrobiologia e agrochimica
Ciclo di dottorato: 21
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Lorito, Matteolorito@unina.it
Tutor:
nomeemail
Alioto, Danielaalioto@unina.it
Date: 28 November 2008
Number of Pages: 109
Keywords: PCR, rRNA 18S, Apiognomonia eythrostoma, Diaporthales
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/12 - Patologia vegetale
Date Deposited: 06 Nov 2009 09:02
Last Modified: 20 Jan 2015 11:30
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/3054

Collection description

La malattia delle macule clorotico-rugginose del ciliegio (CCRS), è stata descritta, per la prima volta, in Campania nel 1996. Tale malattia, che interessa il ciliegio dolce e acido, ha creato gravissimi problemi allo sviluppo della cerasicoltura nella provincia irpina. Sulle foglie, la malattia si manifesta sottoforma di macule gialle, che diventano successivamente rossastre e necrotiche. I frutti risultano deformi ed appiattiti, cascolano precocemente o presentano alterazioni cromatiche della buccia sottoforma di linee ed anelli rossastri. Nei tessuti infetti è stata costantemente accertata la presenza di ife fungine, di 12 dsRNA, che rappresentano i componenti genomici di micovirus dei generi Chrysovirus, Partitivirus e Totivirus, e di due RNA circolari di tipo viroidale (cscRNA) che potrebbero essere satelliti dei micovirus riscontrati. Negli ultimi anni, per l’individuazione del fungo fitopatogeno è stato utilizzato un approccio di tipo molecolare, che prevede l’impiego di primers universali per l’amplificazione di una regione del gene per l’rRNA 18S fungino. In tutti i campioni di ciliegio acido e dolce, il clonaggio e sequenziamento dei prodotti di amplificazione ha evidenziato la costante presenza di un fungo appartenente all’ordine Diaporthales nei tessuti sintomatici, pur non permettendone la identificazione di famiglia, genere e specie. Tra i funghi appartenenti a tale ordine è riportata l’ Apiognomonia eythrostoma, un fungo parassita del ciliegio che causa una malattia nota come maculatura rossa e per il quale mancano in banca dati sequenze genomiche. Il confronto tra foglie di ciliegio affetto da CCRS e foglie di albicocco e ciliegio affetti da maculatura rossa ha messo in evidenza che le due malattie sono simili per molti aspetti: stesso periodo di comparsa in campo dei sintomi e delle fruttificazioni; stesse fruttificazioni anamorfiche (picnidi con conidi di tipo β), identità di sequenza del 99.7% per il gene dell’rRNA 18S, presenza degli stessi micovirus, riscontrati per la CCRS, nel ciliegio affetto da maculatura rossa. Tuttavia il fungo presente in piante affette da CCRS e da maculatura rossa, pur appartenendo all’ordine Diaporthales, sembra essere filogeneticamente distante dal genere Apiognomonia. Inoltre, lo sviluppo, in camera umida, di picnidi con conidi di tipo α in foglie affette da CCRS e maculatura rossa, e l’analisi di sequenza del micelio da questi sviluppatosi, fa ipotizzare la presenza di un altro fungo, il cui ruolo nell’eziologia della malattia è da chiarire, in quanto i sintomi da questo indotti su ciliegio artificialmente inoculato sembrano diversi da quelli descritti per le due malattie.

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item