La poli(ADP-ribosilazione) in cellule neoplastiche ed in risposta ad agenti chemioterapici

Cimmino, Gabriella (2006) La poli(ADP-ribosilazione) in cellule neoplastiche ed in risposta ad agenti chemioterapici. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
7Mb

Abstract

Alla luce di evidenze autorevoli che suggeriscono un ruolo della reazione di poli(ADP-ribosilazione) in molti processi cellulari come il riparo del DNA e la trascrizione, la crescita cellulare e la trasformazione, la mia ricerca si è focalizzata sull’analisi dell’azione di inibitori di PARP come adiuvanti di agenti chemioterapici (es. veleni di Topo I ed interferoni) in cellule di glioblastoma e di carcinoma. In una prima sezione sono stati investigati gli effetti indotti dal trattamento con l’inibitore di Topo I, il topotecano (TPT) e l’inibitore di PARP, l’NU1025 in due linee cellulari di glioblastoma umano D54p53wt e U251p53mut. E’ stato trovato un effetto sinergico sia in termini di inibizione di crescita che di arresto in G2/M, mentre NU1025 non ha mostrato alcun effetto citotossico. I risultati mostrano che TPT causa un aumento dell’attività enzimatica, dovuta soprattutto all’automodificazione di PARP-1, che è stato messo in relazione con la stabilizzazione di p53 che a sua volta ha determinato un’overespressione di p21 nelle D54. Inoltre NU1025 in combinazione con TPT incrementa specificamente il livello nucleare di p21. Viceversa in U251 il trattamento con TPT non ha avuto conseguenze sulla forma mutata inattiva di p53. Tali evidenze sono in linea con una segnalazione ad opera di PARP-1 , via p53 e p21 del danno al DNA risultante dall’inibizione di Topo I. In una seconda sezione della ricerca è stata analizzata la relazione tra la poli(ADP-ribosilazione) e la via JAK/STAT di trasduzione del segnale dipendente dall’interferone- in cellule umane di carcinoma epidermoide, KB. Risultati precedi hanno mostrato che l’inibizione di crescita da IFN in KB, era accompagnata da un aumento dell’attività PARP, mentre a tempi più lunghi l’innesco dell’apoptosi era associato alla proteolisi caspasi-dipendente di PARP-1. Inoltre il trattamento combinato con un inibitore di PARP (3-ABA), revertiva l’inibizione di crescita e l’apoptosi causate dall’IFN. Alla luce di questi risultati, che suggeriscono che PARP-1 possa essere direttamente coinvolta nell’espressione genica dipendente dall’IFN (es. STAT-1), la presente ricerca è stata indirizzata alla definizione della poli(ADP-ribosilazione) di STAT-1. Inizialmente è stata valutata l’overespressione, la fosforilazione e la traslocazione nucleare di STAT-1 dipendente da IFN. I risultati hanno mostrato che STAT-1 piuttosto che subire modificazioni covalenti e non covalenti da parte di PARP-1, è capace di interagire fisicamente con essa, come riportato per altri fattori trascrizionali.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Inibitori di PARP-1, Adiuvanti chemioterapici, Traduzione del segnale
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 05 Scienze biologiche > BIO/10 BIOCHIMICA
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
D'Alessio, Giuseppe
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Quesada, Piera
Stato del full text:Accessibile
Data:2006
Numero di pagine:84
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Biologia Strutturale e Funzionale
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Denominazione del dottorato:Biochimica e Biologia Cellulare e Molecolare
Ciclo di dottorato:XVII
Numero di sistema:590
Depositato il:30 Luglio 2008
Ultima modifica:04 Febbraio 2009 09:38

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record