Iannicelli, Gianpaolo (2006) Una, nessuna e centomila memorie: ricordi individuali e memorie collettive della strage sul treno rapido 904 del 23 dicembre 1984. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img]
Anteprima
PDF
Iannicelli.pdf

Download (2MB) | Anteprima
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Una, nessuna e centomila memorie: ricordi individuali e memorie collettive della strage sul treno rapido 904 del 23 dicembre 1984
Autori:
AutoreEmail
Iannicelli, Gianpaolo[non definito]
Data: 2006
Tipo di data: Pubblicazione
Numero di pagine: 220
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Sociologia "Gino Germani"
Dottorato: Sociologia e ricerca sociale
Ciclo di dottorato: 18
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Spanò, Antonella[non definito]
Tutor:
nomeemail
Pecchinenda, Gianfranco[non definito]
Data: 2006
Numero di pagine: 220
Parole chiave: Memoria, Comunicazione pubblica, Strage
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 14 - Scienze politiche e sociali > SPS/08 - Sociologia dei processi culturali e comunicativi
Depositato il: 01 Ago 2008
Ultima modifica: 30 Apr 2014 19:23
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/645
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/645

Abstract

Il 23 dicembre del 1984 a causa di una bomba esplosa sul treno rapido 904 in servizio da Napoli a Milano persero la vita 16 persone, mentre altre 267 rimasero più o meno gravemente ferite. I famigliari delle vittime e i superstiti – molti dei quali napoletani o campani – si organizzarono in associazione già dopo pochi mesi dall’evento, si costituirono parte civile nel processo, esercitando fin da subito i loro diritti/doveri di cittadini e commemorando ogni anno le vittime. Eppure, anche se negli ultimi anni si assiste a un coinvolgimento crescente della società civile e delle istituzioni durante i cerimoniali commemorativi e a un appoggio più concreto alle iniziative dell’associazione, da un lato l’evento in questione sembra debolmente radicato nella coscienza collettiva locale e, a maggior ragione, in quella nazionale; dall’altro, esso è stato dimenticato anche dalla comunità scientifica per quel che riguarda le scienze storico-sociali. Ciò ha rappresentato proprio l’ipotesi di partenza che con la presente ricerca si è cercato di controllare empiricamente. In altre parole, ci si è chiesti come mai un evento così importante della storia recente del nostro paese, in un’epoca in cui si commemora di tutto, è stato, in pratica, rimosso, dimenticato, “dislocato”, e quali sono i processi socio-culturali, i soggetti civili e istituzionali e le tensioni tra le diverse forze sociali in campo che, interagendo nello spazio pubblico, hanno determinato tale stato di cose.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento