Golino, Luca (2010) Sistema Beta-adrenergico ed asse Renina-Angiotensina-Aldosterone nell’invecchiamento cardiovascolare. [Tesi di dottorato] (Inedito)

[img]
Anteprima
PDF
Luca_Golino_23.pdf

Download (665kB) | Anteprima
Tipologia del documento: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Titolo: Sistema Beta-adrenergico ed asse Renina-Angiotensina-Aldosterone nell’invecchiamento cardiovascolare
Autori:
AutoreEmail
Golino, Lucalucagolino.jazz@alice.it
Data: 21 Novembre 2010
Numero di pagine: 53
Istituzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento: Medicina clinica e scienze cardiovascolari e immunologiche
Scuola di dottorato: Medicina clinica e sperimentale
Dottorato: Fisiopatologia clinica e medicina sperimentale
Ciclo di dottorato: 23
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Marone, Giannimarone@unina.it
Tutor:
nomeemail
Abete, Pasqualep.abete@unina.it
Data: 21 Novembre 2010
Numero di pagine: 53
Parole chiave: invecchiamento; sistema beta-recettoriale; sistema renina-angiotensina-aldosterone
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/11 - Malattie dell'apparato cardiovascolare
Area 06 - Scienze mediche > MED/09 - Medicina interna
Depositato il: 02 Dic 2010 12:28
Ultima modifica: 30 Apr 2014 19:43
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/7934
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/7934

Abstract

La disfunzione età-correlata dei βARs a livello cardiaco e vascolare rappresenta un fenomeno reversibile e che interventi sia di natura farmacologica che non farmacologica, come i β-bloccanti e l’esercizio fisico, possono indurre un significativo miglioramento del signaling a livello recettoriale e post-recettoriale. Ciò aggiunge nuove informazioni sui meccanismi molecolari attraverso i quali queste due strategie d’intervento esercitano i loro effetti favorevoli nel trattamento delle patologie cardiovascolari nella popolazione geriatrica. L’invecchiamento si associa alla disregolazione di molti sistemi ormonali e il RAAS non fa eccezione a questo comportamento. Tuttavia, esistono ancora numerose lacune tra le conoscenze attualmente disponibili sulle specifiche interazioni tra RAAS sistemico e RAAS tissutali e sul significato della depressione del sistema ormonale circolante e sull’attivazione, invece, dei sistemi tissutali cardiaco e renale tubulo-interstiziale. Tali contraddizioni si accentuano ulteriormente laddove si consideri che la somministrazione di farmaci bloccanti il RAAS sia in grado anche nell’anziano ed in presenza di un RAAS sistemico depresso, di rallentare il danno d’organo renale e determinare un reverse-remodeling ventricolare sinistro.

Actions (login required)

Modifica documento Modifica documento