Scibelli, Tina (2011) Il trattamento delle metastasi epatiche da cancro del coloretto. [Tesi di dottorato] (Unpublished)

[img]
Preview
PDF
SCIBELLI_TINA_24.pdf

Download (486kB) | Preview
Item Type: Tesi di dottorato
Language: Italiano
Title: Il trattamento delle metastasi epatiche da cancro del coloretto
Creators:
CreatorsEmail
Scibelli, Tinatinascibelli@hotmail.it
Date: 2011
Number of Pages: 48
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Chirurgia generale, geriatrica, oncologica e tecnologie avanzate
Doctoral School: Scienze biomorfologiche e chirurgiche
PHD name: Scienze chirurgiche e tecnologie diagnostico-terapeutiche avanzate
PHD cycle: 24
PHD Coordinator:
nameemail
Renda, Andrearenda@unina.it
Tutor:
nameemail
Renda, Andrearenda@unina.it
Date: 2011
Number of Pages: 48
Uncontrolled Keywords: Metastasi epatiche da neoplasia del coloretto, nuovi criteri di resecabilità delle metastasi epatiche,trattamento preoperatorio ha incrementato il tasso di resecabilità in pazienti considerati inoperabili
MIUR S.S.D.: Area 06 - Scienze mediche > MED/18 - Chirurgia generale
Date Deposited: 12 Dec 2011 10:02
Last Modified: 30 Apr 2014 19:47
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/8655

Abstract

Il cancro del colon-retto (CRC) è il quarto cancro più comune in Occidente e la seconda causa più comune di mortalità per cancro dopo il tumore al polmone correlati in Europa e Nord America [1,2]. Nei pazienti con cancro del colon retto il fegato è il sito più comune di metastasi a diffusione ematogena. Oltre il 50% dei pazienti con CRC svilupperà metastasi al fegato durante la loro vita [2,3]. Un quarto dei pazienti con CRC primarie si trovano ad avere secondarismi epatici sincroni [4]. Quasi la metà dei pazienti sottoposti a resezione der CRC primitivo probabilmente svilupperà secondarismi epatici metacroni [5]. Metastasi epatiche sincrone si presentano nel 15% dei pazienti, mentre il rischi complessivo di sviluppare metastasi metacrone dopo la resezione della sede primaria è del 13%[1].Questo rischio incrementa a più del 30% in pazienti che presentano linfonodi mesenterici positivi( stadio III) [6].Al centro di ogni discussione di tecniche di resezione del fegato sono le questioni legate alle indicazioni e alla resecabilità. E 'chiaro per esperienza suffragata dalle prove sopra citata (Simmonds et al, 2006; Rees et al, 2008) [13,14]. che ottimi risultati possono essere ottenuti con la resezione del fegato utilizzando criteri altamente selettivi. Inoltre, le indicazioni sono cambiati notevolmente negli ultimi anni come è stato dimostrato che buoni risultati possono essere raggiunti con una chemioterapia efficace in pazienti precedentemente incurabili (Adam et al, 2009) [32]. Il ruolo della resezione epatica come un trattamento efficace per le metastasi epatiche colorettali è stata fondata nel 1988 dal Registro delle metastasi epatiche [9].Infatti la chirurgia laparoscopica del fegato ha impiegato molto tempo per ottenere popolarità nella comunità scientifica ed anche ora essa è limitata a pochi centri di eccellenza, dove è essenzialmente utilizzata per eseguire resezioni minori. Negli ultimi anni c'è stato un grande interesse nella chirurgia epatica laparoscopica o mininvasiva

Actions (login required)

View Item View Item