Solimene, Roberta (2013) Caratterizzazione di geni che influenzano la prolificità nelle razze ovine autoctone Bagnolese e Laticauda allevate in regione Campania. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Documento PDF
tesi_solimene_roberta.pdf

Download (7MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: Caratterizzazione di geni che influenzano la prolificità nelle razze ovine autoctone Bagnolese e Laticauda allevate in regione Campania
Creators:
CreatorsEmail
Solimene, Robertarsolimene@gmail.com
Date: 28 March 2013
Number of Pages: 116
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Medicina Veterinaria e Produzioni Animali
Scuola di dottorato: Scienze veterinarie per la produzione e la sanità
Dottorato: Produzione e sanità degli alimenti di origine animale
Ciclo di dottorato: 25
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Cortesi, Maria Luisamarialuisa.cortesi@unina.it
Tutor:
nomeemail
Peretti, Vincenzovincenzo.peretti@unina.it
Date: 28 March 2013
Number of Pages: 116
Uncontrolled Keywords: ovino; geni prolificità; SNP
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/17 - Zootecnica generale e miglioramento genetico
Date Deposited: 11 Apr 2013 08:29
Last Modified: 22 Jul 2014 13:16
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/9198
DOI: 10.6092/UNINA/FEDOA/9198

Abstract

Le razze autoctone rappresentano una risorsa importante per le regioni di origine, tuttavia per effetto del fenomeno di globalizzazione, che ha coinvolto anche la zootecnia, il loro allevamento è andato quasi scomparendo nel corso degli ultimi decenni. Attualmente si stanno rivalutando i vantaggi che l’allevamento di queste razze può presentare. Nell’ambito di un progetto di rivalutazione delle razze autoctone della regione Campania denominato RARECA (PSR Campania 2007-2013 Misura 214) è stato condotto uno studio su due razze ovine allevate in regione Campania: la Bagnolese e la Laticauda. Tali razze sono particolarmente apprezzate dagli allevatori, oltre che per la notevole rusticità, per l’elevato numero di parti plurimi e gli alti tassi di prolificità (180% Laticauda; 170% Bagnolese). Numerosi studi hanno evidenziato che l’elevata prolificità di alcune razze ovine è associata alla presenza di particolari varianti alleliche dei geni BMPR1B (FecB), BMP15 (FecX) e GDF9 (FecG), si è voluto pertanto verificare se tali varianti alleliche fossero presenti anche negli ovini Bagnolese e Laticauda. Attraverso l’utilizzo della PCR, PCR-RFLP e l’analisi di sequenza, è stato possibile verificare che le due razze studiate non presentano l’allele FecB del gene BMPR1B e non presentano particolari polimorfismi del gene BMP15 mentre presentano vari polimorfismi nell’esone 2 del gene GDF9, alcuni dei quali non ancora evidenziati in altre razze ovine. Per comprendere pienamente l’origine ed il significato di tali polimorfismi sono necessari ulteriori studi che dovranno coinvolgere un numero maggiore di soggetti e di allevamenti.

Actions (login required)

View Item View Item