Landolfi, Luigi (2013) ANALISI DELLA RISPOSTA SISMICA LOCALE IN PRESENZA DI MORFOLOGIE COMPLESSE DI SOTTOSUOLO: IL CASO DI CASTELNUOVO (AQ). [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
Landolfi_Td.pdf

Download (20MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: ANALISI DELLA RISPOSTA SISMICA LOCALE IN PRESENZA DI MORFOLOGIE COMPLESSE DI SOTTOSUOLO: IL CASO DI CASTELNUOVO (AQ)
Creators:
CreatorsEmail
Landolfi, Luigiluigi.landolfi@unina.it
Date: 2 April 2013
Number of Pages: 252
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Ingegneria Civile, Edile e Ambientale
Scuola di dottorato: Ingegneria civile
Dottorato: Ingegneria geotecnica
Ciclo di dottorato: 25
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Mancuso, Claudiomancuso@unina.it
Tutor:
nomeemail
Silvestri, Francescofrancesco.silvestri@unina.it
Anna, D'Onofriodonofrio@unina.it
Date: 2 April 2013
Number of Pages: 252
Uncontrolled Keywords: Ingegneria Geotecnica Sismica, risposta sismica locale, effetti della morfologia superficiale e sepolta sulla risposta sismica locale, risposta sismica locale di Castelnuovo (AQ)
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/07 - Geotecnica
Aree tematiche (7° programma Quadro): AMBIENTE (INCLUSO CAMBIAMENTO CLIMATICO) > Proteggere i cittadini dai rischi ambientali
SICUREZZA > Sicurezza dei cittadini
Date Deposited: 09 Apr 2013 14:59
Last Modified: 10 Oct 2016 01:00
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/9552

Abstract

La tesi ha l'obiettivo dello studio dell’amplificazione del moto sismico e dei fenomeni deformativi del colle di Castelnuovo (AQ), il centro abitato più vistosamente e singolarmente danneggiato dal terremoto aquilano del 2009. Il problema presenta diverse complessità e peculiarità di carattere geometrico, morfologico e geotecnico. In primo luogo, la morfologia del colle è spiccatamente tridimensionale, ed in superficie interessata da numerose cavità antropiche superficiali e di dimensioni confrontabili con gli edifici, il cui danneggiamento sembra essere stato localmente influenzato da esse. Il sottosuolo è costituito da un terreno deformabile molto particolare, i limi carbonatici di San Nicandro, sul quale è stata eseguita un’ampia campagna sperimentale di laboratorio, meticolosamente elaborata e interpretate nella tesi, integrando i dati sperimentali con i pochi già disponibili da indagini geofisiche in sito. La tesi affronta un esteso studio parametrico basato su modellazione 2D alle differenza finite degli effetti della propagazione di segnali sintetici attraverso cavità singole o multiple, di diversa profondità, forma e dimensione, sintetizzando i risultati in termini di parametri e criteri sintetici di apprezzabile utilità ingegneristica per la previsione degli effetti di modifica del moto in superficie. Successivamente, la tesi affronta il difficile problema della costruzione di un modello tridimensionale del colle per la simulazione numerica degli effetti del terremoto del 6.IV.2009, impegno particolarmente oneroso a causa della necessità di costruire un modello adeguatamente esteso da rappresentare le principali complessità topografiche, superficiali e sepolte, del colle, nonché sufficientemente dettagliato per introdurvi realisticamente le numerose cavità. Questo lavoro, condotto con particolare attenzione per la calibrazione preliminare del modello e il confronto con risultati numerici e sperimentali preesistenti, è stato accompagnato da uno studio molto accurato del moto sismico di riferimento, conducendo a risultati innovativi e d'indubbio valore tecnico-scientifico.

Actions (login required)

View Item View Item