Ferrara, Francesco (2014) RUOLO DEL DEFICIT DI GH/IGF-1 NELLO SCOMPENSO CARDIACO CRONICO. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
Ferrara Francesco.pdf

Download (877kB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Lingua: Italiano
Title: RUOLO DEL DEFICIT DI GH/IGF-1 NELLO SCOMPENSO CARDIACO CRONICO
Creators:
CreatorsEmail
Ferrara, Francescofrancesco.ferrara30@tin.it
Date: 26 March 2014
Number of Pages: 41
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Scienze Mediche Traslazionali
Scuola di dottorato: Medicina clinica e sperimentale
Dottorato: Fisiopatologia clinica e medicina sperimentale
Ciclo di dottorato: 26
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Marone, Giannimarone@unina.it
Tutor:
nomeemail
Cittadini, AntonioUNSPECIFIED
Date: 26 March 2014
Number of Pages: 41
Uncontrolled Keywords: scompenso cardiaco; IGF-1; ormone della crescita
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/09 - Medicina interna
Date Deposited: 14 Apr 2014 07:59
Last Modified: 27 Jan 2015 12:15
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/9691

Abstract

Background: Multipli deficit di ormoni anabolici sono comuni in pazienti affetti da scompenso cardiaco cronico (SCC). Uno degli assi ormonali più importanti coinvolti è rappresentato dal deficit dell’ormone della crescita (GH) e del suo effettore tissutale insulinosimile (IGF-1). Materiali e metodi: Una popolazione di pazienti affetti da SCC con ridotta funzione sistolica del ventricolo sinistro (F.E. ≤ 40%) è stata valutata mediante esame ecocardiografico, test cardiopolmonare ed esami biochimici con dosaggio dei livelli basali di IGF-1 e dell’IGF Binding Protein-3 (IGFBP-3). In 130 pazienti con SCC è stato praticato un test di stimolo del GH mediante GHRH + arginina per valutare sia la prevalenza del deficit di GH (GHD), che il possibile ruolo del GHD nel peggiorare l’architettura, la funzione cardiaca e la performance cardiopolmonare. Una coorte di 190 pazienti con SCC è stata seguita nello studio di sopravvivenza, per un follow-up medio di circa 3.5 anni, comparando due gruppi di pazienti con bassi o normali livelli di IGF-1. Risultati: Il GHD è presente in circa 1/3 della nostra popolazione ed ha dimostrato di influenzare la struttura e funzione del ventricolo sinistro (VS) con evidenza anche di una ridotta performance cardiopolmonare. L’analisi aggiustata della sopravvivenza condotta su 190 pazienti (mortalità del 29%) ha indicato che i pazienti con bassi livelli di IGF-1 (< 122 ng/mL) hanno una prognosi peggiore per l’outcome primario di mortalità per tutte le cause (log rank 13.8, p<.0001). Inoltre i livelli di IGF-1 hanno dimostrato di essere un fattore predittore indipendente di mortalità all’analisi multivariata (p = 0.001). Conclusioni: Il deficit di GH ha un’elevata prevalenza nello SCC (32%) e identifica un sottogruppo di pazienti caratterizzati da una peggiore architettura e funzione del VS e da una ridotta performance cardiopolmonare. Inoltre, bassi livelli di IGF-1 nello SCC identificano un fenotipo di pazienti con outcome peggiore, fornendo nuove prospettive fisiopatologiche per il disegno di futuri studi di terapia ormonale sostitutiva.

Actions (login required)

View Item View Item