Gaglione, Rossella (2021) Le vicissitudini della coscienza nella filosofia di Vladimir Jankélévitch. [Tesi di dottorato]

[img]
Preview
Text
Gaglione_Rossella_33.pdf

Download (2MB) | Preview
[error in script] [error in script]
Item Type: Tesi di dottorato
Resource language: Italiano
Title: Le vicissitudini della coscienza nella filosofia di Vladimir Jankélévitch
Creators:
CreatorsEmail
Gaglione, Rossellarossellagaglione@hotmail.com
Date: September 2021
Number of Pages: 405
Institution: Università degli Studi di Napoli Federico II
Department: Studi Umanististici
Dottorato: Scienze filosofiche
Ciclo di dottorato: 33
Coordinatore del Corso di dottorato:
nomeemail
Conte, Domenicodconte@unina.it
Tutor:
nomeemail
Papparo, Felice CiroUNSPECIFIED
Date: September 2021
Number of Pages: 405
Keywords: Coscienza; Jankélévitch; Odissea; morale
Settori scientifico-disciplinari del MIUR: Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-FIL/03 - Filosofia morale
Date Deposited: 20 Jul 2021 20:05
Last Modified: 07 Jun 2023 11:23
URI: http://www.fedoa.unina.it/id/eprint/13549

Collection description

La tesi di dottorato si propone di 'dare corpo' al movimento della coscienza così come si presenta nelle opere jankélévitchiane. La prima parte è dedicata all'analisi dei testi in cui Jankélévitch si dedica esplicitamente alla questione coscienziale: "L'Odyssée de la conscience dans la dernière philosophie de Schelling" e "Valeur e signification de la mauvaise conscience" (che rappresentano, insieme, le due parti di cui è composta la tesi di dottorato dell'autore, datata 1933), e "L'ironie ou la bonne conscience". Il secondo capitolo della tesi tratta, invece, le nozioni di carattere gnoseologico e ontologico (il non-so-che e il quasi nulla) e il rapporto che intessono con la coscienza. L'ultimo capitolo è dedicato alla vera e propria 'odissea coscienziale': attraverso l'indagine di alcuni testi del filosofo francese ("Il puro e l'impuro", "Traité des vertus", "L'austerité et la vie morale", "La menzogna e il malinteso", "Il paradosso della morale") si è cercato di delineare i vari mo(vi)menti a spirale della coscienza, dall'innocenza citeriore fino all'innocenza ulteriore (cioè l'amore).La struttura della tesi prevede due intermezzi a scopo propedeutico: il primo è sul Tempo, tematica chiave nella filosofia jankélévitchiana e decisiva per comprendere nello specifico la riflessione sulla coscienza, mentre il secondo ragiona intorno al rapporto controverso tra coscienza e morale.

Downloads

Downloads per month over past year

Actions (login required)

View Item View Item