Algebre di Killing ad orbite tridimensionali

Piscopo, Rossella (2006) Algebre di Killing ad orbite tridimensionali. [Tesi di dottorato] (Inedito)

Full text disponibile come:

[img]PDF - Richiede un editor Pdf del tipo GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
810Kb

Abstract

Nel presente lavoro sono classificate le algebre di campi di Killing ad orbite tridimensionali. Considerata la varietà pseudo-riemanniana (M,g) di dimensione n, è noto che l'algebra di Killing ha dimensione finita. Si è scoperto che tale dimensione è ulteriormente limitata dalla dimensione delle orbite. L'algebra Gk campi di Killing ad orbite di dimensione r ha dimensione: r ≤ dimGk ≤(1/2)r(r+1) In questo lavoro, fissata la dimensione delle orbite a 3, sono state classificate le algebre di Killing ad orbite tridimensionali, quando il tensore metrico g degenera sulle orbite. Se il tensore metrico g si annulla, quando ristretto alle orbite dell'algebra, oltre alle strutture abeliane, per le algebre di dimensione 4 si è scoperta la seguente particolare struttura (Algebra di Rotondaro) I4 = {e1, e2, e3, e4 :[ei , e j]=0, i,j =1,2,3, [e4,ei]=e i , i=1,2,3> dove l'algebra derivata è l'unica sottoalgebra tridimensionale abeliana e in cui ogni sottospazio bidimensionale è una sottoalgebra. Nel caso in cui il tensore metrico ha rango 1 sulle orbite, la distribuzione ortogonale ha ulteriormente limitato la dimensione dell'algebra di Killing. Si è provato che la dimensione non può essere superiore a 4, se la distribuzione ortogonale non è integrabile e, in questo caso, le strutture trovate sono le stesse del caso precedente. Se, invece, la distribuzione ortogonale è integrabile, mediante identità polinomiali, sono state classificate, a meno di isomorfismi, cinque tipi di algebre di Killing di dimensione 4. Le algebre di dimensione 5 e 6 sono state classificate, in questo caso, grazie ad osservazioni geometriche e si è visto che queste sono somme semi-dirette di algebre tridimensionali note come so(2,1), con ideali bidimensionali e tridimensionali rispettivamente. Infine, quando il rango del tensore metrico è 2 sulle orbite, si è pervenuti ad una classificazione mediante la linearizzazione delle algebre isotrope. Il numero di strutture trovate è superiore a quello dei casi precedenti. Alcune delle strutture per le algebre di dimensione 4, si è visto, possono essere somma diretta delle algebre semisemplici tridimensionali con un ideale unidimensionale oppure somma semi-diretta dell'algebra delle isometrie infinitesimali del piano euclideo o di quello iperbolico-euclideo con un ideale unidimensionale. Per lo studio delle algebre di dimensione 5 e 6, oltre alla linearizzazione delle algebre isotrope, si è osservato che queste contengono una sottoalgebra di dimensione quattro e, quindi, si è fatto riferimento alla classificazione delle algebre di dimensione 4.

Tipologia di documento:Tesi di dottorato
Parole chiave:Algebre di Killing, Metriche pseudo-riemanniane, Orbite nulle
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 01 Scienze matematiche e informatiche > MAT/03 GEOMETRIA
Coordinatori della Scuola di dottorato:
Coordinatore del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Rionero, Salvatore
Tutor della Scuola di dottorato:
Tutor del Corso di dottoratoe-mail (se nota)
Maj, Mercede
Stato del full text:Accessibile
Data:2006
Numero di pagine:117
Istituzione:Università degli Studi di Napoli Federico II
Dipartimento o Struttura:Matematica e Applicazioni “R. Caccioppoli”
Tipo di tesi:Dottorato
Stato dell'Eprint:Inedito
Denominazione del dottorato:Scienze Matematiche
Ciclo di dottorato:XVII
Numero di sistema:534
Depositato il:31 Luglio 2008
Ultima modifica:04 Febbraio 2009 09:38

Solo per gli Amministratori dell'archivio: edita il record